Sole, acqua di mare e chimica

Come funziona

L’elettrolisi per scindere le molecole di acqua (H2O) in idrogeno (H2) e ossiggeno (O2) è possibile grazie alla radiazione solare che attiva un fotoanodo di triossido di tungsteno liberando elettroni.

L’idrogeno, carico positivamente, viene captato dalla polarità negativa del catodo e convogliato verso un sistema di stoccaggio o una cella a combustibile. Nella “fuel cell” l’idrogeno a contatto con l’ossigeno dell’aria, produce una corrente elettrica, a sua volta utilizzbile per alimentare dispositivi elettrici.

Il sistema permette di stoccare l’energia dei raggi solari nell’idrogeno per utilizzarla la notte e quando non c’è sufficiente radiazione luminosa.

Il podotto di scarto di tutto il processo non è altro che acqua che può tornare in circolo, creando così un circolo continuo e pulito.

Sole, acqua di mare e chimicaultima modifica: 2011-06-21T14:02:00+02:00da glarocca

Lascia un commento