Celle fotovoltaiche del futuro

Un gruppo di ricerca dell’Istituto nazionale di ottica (Ino) del Consiglio Nazionale delle Ricrche (CNR) di Pozzuoli ha messo a punto una tecnica innovativa per solidificare i liquidi polimerici (plastici) nelle diverse forme geometriche.

A questo scopo è stata realizzata una microfonderia per costruire minuscoli componenti destinati alle celle fotovoltaiche di nuova generazione, a sensori e ai laboratori di analisi in miniatura (laboratori su chip).Tale ricerca e risultato è stato pubblicato sulla copertina della rivista scientifica Pnas (rivista dell’Accademia delle Scienze Americane).

polimeri.jpgA tutti gli effetti i ricercatori hanno ottimizzato una procedura particolare di litografia per ottenere le microstrutture tridimensionali dai liquidi polimerici.Come spiegano i ricercatori, nelle comuni tecniche litografiche utilizzate per sagomare materiali polimerici su scala dell’ordine del milionesimo e miliardesimo di metro si ricorre a un processo che non permette di ‘bloccare’ le configurazioni a cui va soggetto il fluido e si ottengono geometrie limitate (colonne, punti e linee).

Il metodo messo a punto consente di solidificare le microstrutture polimeriche congelando le instabilità spontanee del fluido sottoposto al campo elettrico. Viene utilizzato un getto d’aria a circa 150°C che comporta la formazione delle microstrutture transienti e con lo stesso stimolo termico vengono solidificate le forme ottenute.

 

L’aspetto interessante è che nei polimeri possono essere inseriti delle inclusioni di materiale semiconduttore in modo da rendere otticamente attive le strutture e applicabili alla fotonica (branca dell’ottica che studia il modo di controllare la propagazione dei singoli fotoni che compongono la luce).

 

Un’applicazione riguarda la realizzazione di elettronica su plastica grazie a nanotubi di carbonio inglobati e dispersi nel polimero, per la fabbricazione delle celle fotovoltaiche del futuro.

 

Fonte: www.pienosole.it

Celle fotovoltaiche del futuroultima modifica: 2011-10-05T17:28:00+02:00da glarocca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento