L’energia solare sale sul treno di Trenitalia

Energia solare sul tetto

Il sole prende il treno: Trenitalia ha realizzato PV Train, il primo convoglio ad energia solare d’Europa. In tutto 10 prototipi di cui 5 carrozze passeggeri, 2 locomotori e 3 carri merci realizzati in tre anni per un investimento di 1,2 milioni di euro.
Il PVTrain è la prima applicazione della tecnologia fotovoltaica nel trasporto ferroviario, settore in cui fino ad oggi, ha sottolineato Trenitalia, ”non sono mai state utilizzate fonti di energia rinnovabile”.

E così sui tetti dei treni italiani potrebbero comparire presto i pannelli cattura-sole. Diverse le utilizzazioni.
Mentre finora le applicazioni di fonti energetiche alternative hanno riguardato la segnaletica e le strutture fisse, con il PVTrain, l’energia fotovoltaica prodotta, ha spiegato Trenitalia, è disponibile per alimentare gli accumulatori presenti sui mezzi, sia durante le fasi di sosta che in viaggio, può essere utilizzata per alimentare i sistemi di illuminazione e condizionamento dei vagoni passeggeri, il riscaldamento e gli elevatori dei pantografi nei locomotori e, infine i sistemi di sicurezza e controllo per i carri merci, in particolare per il trasporti di merci preziose e pericolose.

L’amministratore delegato di Trenitalia, Roberto Testore, ha anche dichiarato ce hanno guardato con interesse al fotovoltaico in considerazione dei possibili meccanismi premianti di tipo economico, come i certificati verdi che può garantire importanti risultati ambientali, con una compatibilità economica tale da immaginare un’applicazione su scala industriale.
 
Un piano che, per il futuro, e con l’ applicazione anche al trasporto di questi incentivi, potrà portare a 300 nuovi vagoni fotovoltaici per le merci pericolose. Ma il solare sui tetti dei vagoni ferroviari non è premiante solo per il fronte industria made in Italy.

Tanti anche gli eco-vantaggi. In particolare in termini di ottimizzazione e risparmio energetico, riduzione dei gas serra e riduzione delle quantità di rifiuti pericolosi da recuperare e smaltire.

Tutti i moduli sono al silicio amorfo, materiale scelto per le sue caratteristiche di flessibilità e in grado di assicurare ottime performance anche con poco sole.

Tunnel fotovoltaico in Europa

A seguito di questa primo risultato si affianca anche l’inaugurazione del primo tunnel fotovoltaico, si tratta di tre chilometri che generano energia per il corretto funzionamento dei treni e delle stazioni tra Anversa e Amsterdam.

Si tratta di un progetto molto interessante considerato unico nel suo genere in Europa, il tunnel è stato pensato anche come protezione in caso di caduta degli alberi evitando così il processo di deforestazione per motivi di sicurezza.

Tunnel fotovoltaico, fotovoltaico, pannelli solariProduce almeno 3,3 megawatt ore di energia elettrica l’anno, pur utilizzata per alimentare i treni ma anche la segnaletica.
Si tratta di pannelli solari che sfruttano al meglio tutta l’energia e che rendono questo uno dei progetti più interessanti nel settore del fotovoltaico.

Per avere dei dati certi occorrerà attendere almeno un anno ma senza dubbio si potranno riscontrare ottimi traguardi che senza dubbio incentiveranno a realizzare nuove linee.

Un’ idea che nasce dal desiderio di voler estendere l’impiego dell’energia fotovoltaica al settore dei trasporti su rotaia per vedere anche quelli che saranno poi i risultati in termini di diminuzioni di sostanze nocive nell’atmosfera.

Clicca qui per vedere il filmato.

L’energia solare sale sul treno di Trenitaliaultima modifica: 2011-06-16T15:15:00+02:00da glarocca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento